lunedì 27 ottobre 2008

INTER LICIUS - LA CATTEDRALE DI TERLIZZI


LA CATTEDRLAE DI SAN MICHELE ARCANGELO



La Cattedrale ("chiesa nuova") di Terlizzi, dedicata a S. Michele Arcangelo sorge sulle rovine di quella consacrata nell'aprile 1038 dal Vescovo Grimaldo, in seguito abbattuta riedificata e consacrata nel settembre 1073 dal Vescovo Giacinto. Di questa, resta lo splendido portale di Anseramo da Trani sulla facciata esterna della Chiesa del Rosario.
L'attuale Chiesa fu costruita sulle sue fondamenta su proggetto originario dell'architetto Michelangelo Bonvino da Giovinazzo, fu inaugurata il 2 dicembre 1782 dal Vescovo Contisini e consacrata il 28 aprile 1872 dal Vescovo Rossini, dal Sindaco Michele de Napoli che donò sei splendide tele. Questo tempio è l'esempio più riuscito del neoclassicismo meridionale, monumento d'arte e della pietà del popolo terlizzese.

maestosa facciata della cattedrale
La chiesa è a tre navate (la centrale 20 m x 9,10 m; quelle laterali 20 m x 4,20 m) con ampia cupola e campanile.
Il transetto è lungo 39,60 m x 11,10 m. Il presbiterio è lungo 11 m e profondo 14 m; la segreteria e il Santuario sono di 15 m x 6 m di lunghezza

campanile del duomo


NAVATE:


NAVATA MAGGIORE:
Bussola di ingresso; vi sta sopra una cantoria con organo (1952) e tela di T. de Vivo (1790-1884) "la liberazione di San Pietro dal carcere". Sopra la vetrata, tondo di S. Michele Arcangelo, opera di Michele de Napoli (1808-1892)




Pulpito


Ambito presbiteriale rialzato sull'aula: con (A) altare maggiore in marmo; (B) Cristo risorto di A. Olivia (1969); (C) opera lignea dello scuoltore terlizzese G. Volpe (1796-1876) raffigurante S. Michele Arcangelo (1837); (D) ambone ligneo (secolo XVII); (E) cattedra episcopile, opera dell'ebanista terlizzese L. Santeramo (1870); (F) emiciclo absidale con gli stalli capitolari di G. Matteucci (1872); (G) S. Biagio con nicchia in noce di F. Catalano (1886); (H) nel vano superiore, tra due colonne d'organo di F. Giovannelli di Lecce (1745).

ambone ligneo


cattedra episcopile

Statua di San Michele Arcangelo




NAVATA MINORE DI SINISTRA:

Tomba Arcidiacono Tommaso de Sario: grande benefattore della Cattedrale (1745-1839).
Fonte battsimale con pala musiva del Battesimo di Gesù:


Altare con il Redentore: tela di Michele de Napoli (1872)

NAVATA MINORE DI DESTRA:
Altare di San Giuseppe, opera lignea proveniente dal soppresso monastero di S. Chiara in Terlizzi.


Altare alla Madonna della Rosa, opera del pittore terlizzese R. de Lucia (1844-1877)


TRANSETTO

ALTARE NORD
con tre grandi opere di Michele de Napoli:
Pala: Officio del sacramanto eucaristico (1883)
Tele laterali: a sinistra, "La Maddalena penitente" (1884); a destra, "Le Marie dopo l'espiazione al Calvario" (1886), nella nicchia, busto di Giovanni XXIII

SANTUARIO della Madonna di Sovereto con icona (secolo XI) incastonata nell'edicola argentea (secolo XVIII), ceramiche di V. Zaza (1975), vetrata istoriata (1965)


ALTARE SUD:

Busto di Benedetto XIV per gratitudine all'elevazione di Terlizzi a cattedra vescovile. Altare con opere di Michele de Napoli: "L'invenzione dell'icona della Madonna di Sovereto" (1882) dipinto su tela raffiguarnte il ritrovamento da parte del pastorello, della sacra Icona della Madonna di Sovereto.

SEGRETERIA
con quadreria vescovile ed altre pregievoli opere di pittura e scultura

Altre opere presenti el transetto sono la Via Crucis, opera dello scultore molfettese V. Zaza (1969), statua S. Cuore di Gesù con nicchia di L. Brucoli (secolo XIX) e statua di S. Rita da Cascia con nicchia di F. Sasso (secolo XX)





venerdì 24 ottobre 2008

RESTAURO TORRE DELLE CLARISSE IN PIAZZA CAVOUR

RESTAURO TORRE DELLE CLARISSE IN PIAZZA CAVOUR
DI MALE IN PEGGIO?


Piazza Cavour agli inizi del XX secolo


Torre delle Clarisse quest'estate


Torre delle Clarisse ieri

Da pochissimi giorni è stata smontata parte dell'impalcatura che circondava la Torre delle Clarisse, dandoci la possibilità di "ammirare" i lavori di restauro.
Con grande sorpresa, eccoci il capolavoro: un intonaco di tonalità giallognola ricopre i blocchi rettangolari di pietra che precedentemente costituivano la facciata della torre.
Sarà che il mio occhio, e credo anche l'occhio di molti altri, era abituato alla pietra grezza della facciata di un tempo, sarà che col tempo ci si fa l'abitudine, però il lavoro che definirei di "intonacamento selvaggio", a mio parere stona decisamente sia con la storia dell'edificio, che come dimostra la prima foto scattata agli inizi del '900, è stato da sempre costituito da facciata di pietra, sia con la morfologia e l'architettura dell'intero edifizio.
Sarei curioso e lieto di ricevere il parere dei visitatori e dei concittadini.

giovedì 23 ottobre 2008

3000 - GRAZIE!

Ringrazio vivamente tutti i visitatori per la fiducia che hanno riposto in questo mio blog.
Ringrazio chi ha costantemente visitato il blog durante questi mesi, ringrazio chi ha commentato e chi ha votato ai numerosi sondaggi pubblicati.
Spero che continuerete numerosi a visitare lo space dei "Giovani Monarchici".
Per qualunque reclamo, suggerimento, problema, commento o quant'altro, sono disponibile per chiunque.
Arrivederci e grazie a tutti!


I warmly thank all visitors for the confidence they have placed in my blog.
I thank those who have constantly visited the blog during these months, I thank those who commented and who voted to the numerous polls that I published.
I hope that many will continue to visit the space of 'Young monarchists'.
For any complaint, suggestion, question, comment or whatever, I am available to anyone.
Goodbye and thanks to all and especially to foreign visitors!


Je remercie chaleureusement tous les visiteurs pour la confiance qu'ils ont placée dans mon blog.
Je remercie ceux qui ont constamment visité le blog au cours de ces mois, je remercie ceux qui ont fait des observations et qui ont voté pour les nombreux sondages que j'ai publié.
J'espère que beaucoup vont continuer de visiter l'espace de "jeunes monarchistes".
Pour toute plainte, suggestion, question, commentaire ou quoi que ce soit, je suis disponible pour tout le monde.
Au revoir et merci à tous et en particulier aux visiteurs étrangers!


Doy las gracias a todos los visitantes por la confianza que han depositado en mi blog.
Doy las gracias a los que constantemente han visitado el blog durante estos meses, doy las gracias a aquellos que comentaron y que votó a favor de las numerosas encuestas que he publicado.
Espero que muchos seguirá para visitar el espacio de "jóvenes monárquicos".
Para cualquier queja, sugerencia, pregunta, comentario o lo que sea, estoy disponible para cualquier persona.
Adiós y gracias a todos y especialmente a los visitantes extranjeros!


Ich herzlich danken allen Besuchern für das Vertrauen, das sie in meinem Blog.
Ich danke denen, die ständig besucht das Blog in diesen Monaten, ich danke denen, die kommentiert, die gewählt haben und auf die zahlreichen Umfragen, die ich veröffentlicht.
Ich hoffe, dass viele werden sich auch weiterhin der Raum der "Young Monarchisten".
Für jede Beschwerde, Anregungen, Fragen, Bemerkungen oder was auch immer, ich bin für jeden zugänglich.
Auf Wiedersehen und Dank an alle und vor allem für ausländische Besucher!



lunedì 20 ottobre 2008

INTER LICIUS - IL CENTRO STORICO


IL CENTRO STORICO DI TERLIZZI

Quello più antico coincide con la civitas medioevale, un nugolo di case e viuzze disposte a raggiera convergenti verso la Cattedrale di San Michele Arcangelo. L'ambiente planimetricamente a semicerchio, è disseminato di scorci suggestivi dove le pietre fanno ancora i conti con la storia: archi (pozzo Morango, de Cristoforis, Tauro, Arimondi, Albimonti, del Carmine, San Nicola, dell'Annunziata...) piazzette (San Lorenzo, Lago Dentro), bifore (Toselli, Annunziata), portali (Schettini), stemmi araldici (de Gemmis, de Paù, Berbinelis, Sangiorgio, de Tatis) e frammenti decorativi ci parlano della primitiva realtà comunitaria, degli spazi insediativi coerentemente progettati per rispondere ai bisogni essenziali dell'uomo.


borgo medioevale iùcoincidente con l'attuale centro storico


disegno di Terlizzi dell' Architetto Michele Gargano

lunedì 13 ottobre 2008

INTER LICIUS - IL PORTALE DI ANSEREMO DA TRANI


IL PORTALE DI ANSEREMO DA TRANI

Il portale, forse una porta secondaria dell'antica Collegiata di San Michele Arcangelo, opera firmata da Anseremo da Trani, è stato rimontato nel 1862, sulla facciata dell'Oratorio della Madonna del Rosario, in via Millico.
Esso si presenta con forma allungata. ghiere a sesto acuto, architrave a bassorilievo, retto da due teste-mensole, lunetta scolpita ad altorilievo. I girali dei tralci si dipartono a sinistra dalle fauci di due teste di leone e vengono raccolti, all'apposto, da due figure umane, una maschile ed una femminile. I tralci presentano fogliame, fiorellini, altre figure e rosette picciolate. Sull'architrave sono scolpiti in successione, scene tratte da passi evangelici della vita di Gesù: l'Annunciazione, la Natività con i Re Magi e la Crocifissione. Nella scena dell'Annunciazione la Vergine è seduta intenta al lavoro della conocchia, mentre un angelo dalle ali spiegate, compare a sinistra. La grotta di Betlemme, i Magi in cammino, formano la scena del Presepe. Nella grotta la Madonna è distesa su un giaciglio: sopra di lei, in un piano superiore, è situato nella mangiatoia, il Bimbo con il bue e l'asinello. Due angeli adorano Gesù, in alto splende una stella. Chiude l'architrave la Crocifissione con Maria e Giovanni ai piedi della croce; il sole e la luna sono raffigurati alla destra e alla sinistra del Cristo.
La lunetta rappresenta l'ultima cena, con Cristo e San Pietro a figura intera, posti ai capi della tavola. Nove apostoli si trovano dietro la tavola, invece Giovanni poggia la testa sulle ginocchia del Signore, e Giuda si prostra sulla tavola stessa.
Nella parte inferiore della lunetta sono sparsi calici, pani, pesci, una carota e un coltello.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...